fbpx

Il bagno in gravidanza: cosa utilizzare e la temperatura dell’acqua

Il bagno in gravidanza: cosa utilizzare e la temperatura dell’acqua
Durante la gravidanza il bagno può essere davvero un toccasana: allevia le tensioni alla schiena, rende più leggere le gambe, calma le palpitazioni.
E’ un falso mito quello che il bagno durante la gravidanza sia da evitare: è però importante seguire alcune indicazioni.
1. Evitare che la temperatura dell’acqua sia troppo calda al fine di impattare in maniera negativa sulle vostre vene delle gambe, già messe a dura prova in gravidanza, e rendere ancora più disidratata la vostra pelle. Indicativamente la temperatura dell’acqua del bagno in gravidanza si deve aggirare intorno ai 36 gradi: potete acquistare un termomentro per il bagnetto che utilizzerete anche dopo la nascita del vostro bambino.
2. Evitate bagnoschiuma ricchi di tensioattivi e scegliete il più possibile detergenti naturali privi di siliconi.
3. Ottimo inserire nella vasca qualche goccia di olio essenziale di lavanda MESCOLATO PRECEDENTEMENTE CON OLIO DI MANDORLE DOLCI. Questo passaggio è fondamentale mamme attenzione: in caso contrario rischierete che l’olio essenziale di lavanda entri in contatto con la pelle causando irritazioni.

E’ sicuro l’olio essenziale di lavanda in gravidanza?

Secondo Livestrong.com, “La lavanda è uno dei migliori oli da utilizzare per combattere gli stress e le tensioni quotidiane della tarda gravidanza”. Ha un effetto calmante e può anche aiutare a idratare la pelle prevenendo le smagliature.
Ottimi anche i sali del Mar Morto: i sali del Mar Morto sono molto più sicuri dell’olio da bagno e i minerali contenuti in essi aiuteranno effettivamente a nutrire la pelle in profondità ma in maniera delicata.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: