fbpx

Come rimanere incinta velocemente

Come rimanere incinta velocemente

Rimanere incinta velocemente per alcune donne è molto facile, per altre, può essere un problema. A volte basta tener conto dei giorni fertili, ma in caso negativo è bene sottoporsi a esami medici che misurano il grado di fertilità. Ci sono poi esami importanti a cui sottoporre anche l’uomo, come lo spermiogramma. 

Per incrementare le probabilità di rimanere incinta velocemente, è fondamentale condurre uno stile di vita salutare tramite una dieta equilibrata e un regolare  esercizio fisico.

È importante includere nella dieta frutta fresca e verdura di stagione di colori diversi, essenziali per dare al nostro corpo tutte le vitamine e i minerali che di cui ha bisogno. Si può mangiare a volontà: mirtilli, lamponi, mele, pesche, albicocche, peperoni rossi, pomodori, verdure a foglia verde, cavoli e così via. Importante è mangiare cibi ricchi di zinco come pesce, carni bianche, cereali, legumi, frutta secca, latte, uova, e di acido folico, come broccoli, spinaci, carciofi, legumi, agrumi. E’ indicato assumere due o tre porzioni giornaliere di latticini, ma bilanciarle con carni magre e pesce. Il principio fondamentale di una dieta ben equilibrata è cercare di trarre beneficio da tutti i diversi gruppi alimentari.

Ciò non basta se gli spermatozoi non incontrano ovuli fertili. Per andare in contro a questa problematica, esistono diversi modi per determinare la data dei giorni più propizi per rimanere incinta.

Le donne che hanno un ciclo regolare di 28 giorni è quasi certo che il giorno più fertile sarà il 14° giorno del ciclo biologico che deve essere calcolato sottraendo due settimane dalla data prevista  delle prossime mestruazioni.

Per una donna che ha un ciclo regolare di 30 giorni l’ovulazione avverrà probabilmente  verso il 16° giorno e per una persona che ha un ciclo regolare di 26 giorni è probabile che ovuli verso il 12° giorno sempre sottraendo dalla data prevista delle prossime mestruazioni.

Le donne che invece non hanno un ciclo regolare, possono tracciare la  propria temperatura corporea basale (BBT), cioè la temperatura corporea del mattino prima di alzarsi dal letto. 

La temperatura normale e non ovulante di una donna è compresa tra 96 e 99 gradi Fahrenheit, ma quando avviene il rilascio di un uovo, la BBT aumenta di circa mezzo grado e rimane leggermente elevata fino a poco prima delle mestruazioni. Per creare grafici della BBT è bene acquistare un termometro speciale, economico e disponibile nelle farmacie, che misura la temperatura in decimi di grado.

Tenere traccia della BBT per alcuni cicli, può essere utile per prevedere l’ovulazione, però è bene tener presente che la BBT non è il modo migliore per cronometrare i rapporti sessuali per il concepimento. 

    Cara Amica, vuoi ricevere il nostro menu mensile e tutte le novità sulla gravidanza e il benessere di gravidanzafelice? Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter!





    La scienza mette a disposizione delle donne che hanno un ciclo irregolare i kit predittori di ovulazione per aiutare ad individuare la fase fertile. 

    Questi kit, che si possono reperire in farmacia come farmaci da banco,  usano l’urina mattutina per misurare l’ormone luteinizzante, che si innalza subito prima dell’ovulazione.  Si usano come il test di gravidanza urinando su bastoncini.

    Vi sono anche altri monitor: uno indica la fertilità misurando gli estrogeni nella saliva e un altro ancora controlla la quantità crescente di cloruro nel sudore. 

    Per individuare l’ovulazione senza l’uso di dispositivi speciali si può  anche controllare il muco cervicale (CM) che è una secrezione prodotta da ghiandole della cervice che si osserva o su un pezzo di carta o direttamente sulle mutandine.

    Durante il ciclo mestruale il tipo e la quantità di muco cervicale cambiano. Può essere appiccicoso o elastico, bianco o torbido. Nei giorni che precedono l’ovulazione diventa chiaro ed elastico (spesso paragonato al bianco d’uovo, da cui il nome ‘muco cervicale albuminoso’). Questo è un ambiente favorevole allo sperma e lo aiuta a raggiungere l’ovulo.

    Ricordate che secondo un sondaggio condotto da First Response, una coppia deve fare sesso senza protezione in media 104 volte prima che la donna rimanga incinta. Quindi se non restate incinte velocemente, non scoraggiatevi!

    Auguri e buon divertimento.

    Rispondi

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: