fbpx

Sabato 11 maggio vi aspetta il Salone del Babywearing e del bambino a Gonzaga

Sabato 11 maggio vi aspetta il Salone del Babywearing e del bambino a Gonzaga

Prende il via il Salone del Babywearing e del bambino: prima manifestazione indoor di questo genere in Italia, è rivolta alle esigenze del neonato a 360 gradi, e debutta domani sabato 11 maggio presso la Fiera Millenaria di Gonzaga (MN). Due giorni di appuntamenti, organizzati da esperte consulenti del portare certificate che da anni lavorano nel settore (www.gioiababy.com), dove espositori da tutta Italia e dall’estero – Germania, Austria, Ucraina, Polonia in particolare sono alcuni dei paesi di provenienza – presenteranno il meglio dell’offerta dedicata alla pratica della “canguroterapia” o “marsupioterapia” sui 1.200 metri quadri dei padiglioni fieristici di Gonzaga, in provincia di Mantova, situati vicino all’accesso dell’autostrada e al crocevia di varie importanti province.

Numerosi gli appuntamenti nel corso della prima giornata di apertura: in particolare domani mattina il calendario delle iniziative collaterali si apre alle 9.30 con la professional organizer certificata APOI Simona Bergami, esperta di riorganizzazione e riordino sia nell’ambito domestico che lavorativo, e l’incontro dal titolo “L’ordine: un gioco da bambini, pensato per insegnare l’organizzazione anche ai bambini con poche, semplici strategie. Alle 10.30 invece ha luogo il focus “Pannolini lavabili: una scelta ecologica”, a cura de L’Albero di Amy, mentre alle 11.00 spazio a “La Diade mamma bambino”, in una conferenza a cura del dottor Ezio Aceti, psicologo fondatore dell’associazione Parvus che da anni si occupa di terapie infantili e supporto alle famiglie, per rispondere ai bisogni educativi contemporanei diffondendo la cultura dell’infanzia mediante formazione alla genitorialità. Alle 13.30 da non perdere il workshop formativo “Comunicazione social per principianti: perché, cosa, come promuovere on line” per espositori e operatori con Giulia Conti, social media strategist che, dopo #SheMeansBusiness, parlerà di nuovo della comunicazione sui social per avviare un’attività professionale nel settore materno infantile.

Nel primo pomeriggio, alle 14.30, avrà luogo l’esibizione delle mamme di danza in fascia, a cura di Francesca Lavecchia, che alle 16.00 propone anche una lezione aperta, mentre alle 15.00 si svolge il workshop “Tecniche di caricamento sulla schiena; modalità a confronto: rivolto a consulenti e istruttrici del portare, è a cura di Virna Benzoni, formatrice babywearing. Alle stessa ora Consuelo Puxeddu – ostetrica, referente del gruppo Pronto Mamy in Valle  d’Aosta, parlerà dell’importanza dell’allattamento nell’ambito della presentazione del suo libro “Lina. Storia di una goccia di latte”, Babele Editore. Mentre nel corso del pomeriggio, dalle 16.00 alle 17.30, con esperte consulenti del portare si parlerà di Babywearing, fenomenologia del marsupio ergonomico e marsupio terapia.

Nell’ambito del Salone del Babywearing e del bambino sarà poi possibile provare, sperimentare e scegliere i supporti più adatti a soddisfare le varie esigenze, per favorire l’esperienza “cuore a cuore” della comunicazione affettiva col proprio bambino, andando così a generare sensazioni di apertura e fiducia, affinché il neonato si sviluppi e diventi un adulto sano ed equilibrato. E poi abbigliamento in stile nordico, in cotone organico, ipoallergenico ed ecosostenibile, con proprietà antistatiche, pensato per le delicate pelli dei neonati e per chi soffre di allergia, marsupi fasce porta bebè di ogni tipo – come quelle in ramiè o fibra di ortica – soffici e flessibili ma resistenti come il lino. Oltre a giochi, montessoriani, in legno, sicuri, versatili e divertenti, utili per allenare equilibrio e motricità del bambino e, allo stesso tempo, insegnargli l’importanza dell’attenzione per l’ambiente. E, ancora, pannolini lavabili, come quelli prodotti negli USA con tessuti certificati Oeko-Tex Standard 100, di altissima qualità e sicuri sulla pelle del neonato, mei tai accessori – scialli e sciarpe scaldacollo – con stoffe jacquard e ad armatura diagonale, tutte rigorosamente tessute in Italia, e tanto altro.

“Il nostro intento – spiega Carlotta Casacci, consulente certificata della Scuola del Portare® – è quello di fornire un’informazione corretta e aggiornata a chi si avvicina a questa pratica e a chi ha interesse ad approfondirla”. “Il Salone sarà un’occasione – prosegue Zuhal Kaykac Messora, anche lei consulente del portare certificata e titolare dell’e-commerce Gioia Baby – per toccare con mano le ultime novità e provare di persona tutti i materiali relativi alla pratica del portare”.

Perché la pratica del portare è incoraggiabile fin dal termine della gravidanzae i suoi benefici sono fondati su solide basi scientifiche che derivano dallo studio della fisiologia, dello sviluppo anatomico, della psicologia prenatale, dell’etno-antropologia.

Partner della manifestazione sono: Gioia BabyNeko SlingsBobaDidymosLimas babyLenesha.

Orari per il pubblico: sabato dalle 9.00 alle 19.00 e domenica dalle 10.00 alle 18.00.

Biglietti: intero 2,50 €. Omaggio fino ai 12 anni.

Ilaboratori per i piccoli accompagnatori saranno gratuiti, condotti da educatori, creativi e professionisti dell’età pediatrica e saranno diversificati per fasce di età.

Per chi arriva da lontano è presente un’area dove parcheggiare camper e auto, ad accesso libero e gratuito, notte e giorno.

Infoline: 0376 1501312, dal lunedì al venerdì, dalle 11 alle 13.

fiera@gioiababy.com

www.gioiababy.com

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: